Archivio mensile:dicembre 2017

Auguri di Stefano Spinola

Volevo rendervi partecipi degli auguri che il nostro collega Stefano Spinola ci ha voluto inviare (nel dialetto della sua terra!!) e che a me sono immensamente piaciuti e che mi hanno commosso:

“TIEMPU  TE NNATALE” 2017

Puru stu nNatale lu fazzu luntanu
te cinca tegnu intra lu core,
la vita mea staci se strusce chianu-chianu,
be ‘mbrazzu tutti cu tantu Amore.

Quandu nascì me manara lu vaddhicu mmare,
comu n’ebbreu staci vau ciarcandu raggettu
e nu sacciu a cci Santu m’aggiu te utare
cu me lleva sta” diaspura” e cu me corcu a lu jettu.

Moi stau a nu Paese te friddu e scelu
addhu la gente prea, fatìa e nu sse nnoia;
lu Bambinieddhu scinde te lu Celu
cu porta ‘nTerra pace e gioia.

Nu ‘ncete brasepi intra le case,
ma arbulieddhi cu palline e luci,
rrumane babbatu cinca trase,
ca poi se ‘ndesse ca tante cose tuci.

Ppe le strate ‘ncete tuttu nu splendore,
li marcati suntu chini te ricchezza:
percé nasciu povarieddhu nostru Signore?
Percé a stu Mundu lu pouru tene tristezza?

Prima ca Diu me chiama ppe l’addhu mundu,
speru cu se trova lu vaddhicu a mare manatu,
ca sucuramente stae ‘ngucciatu sottafundu
e cu pozzu ripusare ‘mpace addhunca su natu.

Stefano SPINOLA
Con l’augurio di un felice Santo Natale.

 

Traduzione della poesia “TIEMPU TE NNATALE 2017

Anche questo il Natale lo trascorrerò lontano
dalle persone che conservo nel cuore,
la mia vita si sta consumando piano-piano,
vi abbraccio tutti con tanto Amore.

Quando io nacqui mi gettarono il cordone ombelicale in mare:
come un Ebreo vado cercando per il mondo un poco di sollievo
e non so a quale Santo mi devo rivolgere per far si
che mi annulli la” diaspora” affinché io possa dormire nel mio letto.

Adesso mi trovo in un Paese di freddo e gelo,
dove la gente prega, lavora e non si annoia;
Gesù Bambino scende dal cielo
per portare in Terra pace e gioia.

Non ci sono Presepi nelle case,
ma alberelli con palline colorate e luci:
resta attonito colui che entra
e poi se ne esce con tanti regali dolci.

Per le strade è tutto uno splendore,
i negozi sono colmi di ricchezza:
perché nacque poverello nostro Signore?
Perché in questo mondo il povero ha tristezza?

Prima che Dio mi chiami per l’altro mondo,
spero sempre che venga ritrovato il mio ombelico,
che sicuramente si trova nascosto in fondo al mare
al fine che io possa riposare in pace dove sono nato.

Stefano SPINOLA

Con l’augurio di un felice Santo Natale

 

Quandu nascì me manara lu vaddhicu mmare,

comu n’ebbreu staci vau  ciarcandu raggettu

e nu sacciu a cci Santu m’aggiu te utare

cu me lleva sta” diaspura” e cu me corcu a lu jettu.

 

Moi stau a nu  Paese te friddu e scelu

addhu la gente prea, fatìa e nu sse nnoia;

lu Bambinieddhu scinde te lu Celu

cu porta ‘nTerra pace e gioia.

 

Nu ‘ncete brasepi intra le case,

ma arbulieddhi cu palline e luci,

rrumane babbatu cinca trase,

ca poi se ‘ndesse ca tante cose tuci.

 

Ppe le strate ‘ncete tuttu nu splendore,

 li  marcati suntu chini te ricchezza:

percé nasciu povarieddhu nostru Signore?

Percé a stu Mundu lu pouru tene  tristezza?

 

Prima ca Diu me chiama ppe l’addhu mundu,

speru cu se trova lu vaddhicu a mare manatu,

ca sucuramente stae ‘ngucciatu sottafundu

e cu pozzu ripusare ‘mpace addhunca su natu.

  

Stefano SPINOLA                  

Con l’augurio di un felice Santo Natale.

Vi metto di seguito la traduzione che lui ha voluto mandare!!!:

 

 

Traduzione della poesia “TIEMPU TE NNATALE 2017

 

Anche questo il Natale lo trascorrerò lontano

dalle persone che conservo nel cuore,

la mia vita si sta consumando piano-piano,

vi abbraccio tutti con tanto Amore.

 

Quando io nacqui mi gettarono il cordone ombelicale in mare:

come un Ebreo vado cercando per il mondo un poco di sollievo

e non so a quale Santo mi devo rivolgere per far si

che mi annulli la” diaspora” affinché io possa dormire nel mio letto.

 

Adesso mi trovo in un Paese di freddo e gelo,

dove la gente prega, lavora e non si annoia;

Gesù Bambino scende dal cielo

per portare in Terra pace e gioia.

 

Non ci sono Presepi nelle case,

ma alberelli con palline colorate e luci:

resta attonito colui che entra

e poi se ne esce con tanti regali dolci.

 

Per le strade  è tutto uno splendore,

i negozi  sono colmi di ricchezza:

perché nacque poverello nostro Signore?

Perché in questo mondo il povero ha tristezza?

 

Prima che Dio mi chiami per l’altro mondo,

spero sempre che venga ritrovato il mio ombelico,

che sicuramente si trova nascosto in fondo al mare

al fine che io possa riposare in pace dove sono nato.

 

Stefano SPINOLA

 

Con l’augurio di un felice Santo Natale